Terzo giorno di Laboratorio Healthnic a Liverpool

La terza sessione del 14 novembre ha presentato erbe e spezie con particolare attenzione agli usi culinari e medicinali.
Tutti insieme abbiamo parlato di come usiamo di solito erbe e spezie. Divisi in tre gruppi: Erba cipollina, Prezzemolo e Coriandolo, abbiamo iniziato con la nostra prima attività: far combaciare una spezia e un’erba con una descrizione delle sue proprietà medicinali, come i suoi benefici per la salute. Spontaneamente abbiamo condiviso storie su rimedi naturali tramandati da generazioni nelle nostre case e che sono tuttora utilizzati.
La nostra facilitatrice Rosie ha chiesto a tutti se potevano identificare il contenuto di un piccolo barattolo di sale alle erbe (basilico, aglio e sale crudo) attraverso l’olfatto e il gusto. Poi in un’attività di gruppo abbiamo scelto un cocktail di erbe del giardino tenendo in considerazione le preferenze di gusto e le qualità medicinali – per esempio – menta, petali di calendula, aglio e sale.
Ognuno ha portato a casa il proprio barattolo di sale alle erbe, da conservare per una settimana in frigo prima di usarlo. Le erbe conservate in questo modo possono essere utilizzate come un dado.
Successivamente ogni gruppo ha preparato un’insalata di stagione con l’erba aromatica corrispondente al proprio gruppo (erba cipollina, prezzemolo o coriandolo) come ingrediente dominante – trasformando così il sapore della stagione.
Le insalate sono state servite con patate al forno e deliziosi fagioli affumicati al pomodoro come contorno, conditi con garam masala e paprika affumicata, un pasto autunnale economico e nutriente. La scoperta di sapori nuovi e insoliti nel pranzo di oggi ha convinto coloro che avevano riserve sull’uso di erbe e spezie nella cucina casalinga e che avevano smesso di utilizzarle.
Dopo aver mangiato siamo stati raggiunti da Ewan che ha introdotto il gruppo al Digital Storytelling. Ha mostrato esempi di diverse storie digitali della durata di un paio di minuti create nel progetto Erasmus + Tell Your Story 2016. Ciò ha aiutato i nostri partecipanti a concentrarsi sulle proprie storie con il cibo per argomento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *